Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.

user_mobilelogo

Qui trovi il veterinario giusto per te:

Veterinari esperti in:

 

iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Articolo scritto dal Dottor Stefano Cattinelli Medico Veterinario

La vita appartiene ai viventi, e chi vive deve essere preparato ai cambiamenti.

Goethe.

Padrone proprietarioNella mia professione ho dovuto, e voluto, cambiare più volte la modalità con la quale mi relazionavo con il regno animale.

L’approccio scientifico, frutto dell’insegnamento universitario, aveva fatto sviluppare in me una visione di tipo meccanicistico. Con lo studio dell’omeopatia, l’animale-macchina è stato soppiantato da una percezione più ampia, che tenesse conto dell’intera vita dell’animale; che tenesse conto dei sottili movimenti dell’energia vitale insita nell’organismo animale. Con il successivo approfondimento dei fiori di Bach la visione si è ampliata ulteriormente e l’animale mi è apparso come un essere la cui essenza era rappresentata specificatamente dall’aspetto emozionale.

 

Alla fine di questo percorso, dunque, mi trovai a riflettere su me stesso; a riflettere su come avevo deciso di impostare il rapporto con la gatta che viveva come me; su come mi vedevo e come mi vivevo nel relazionarmi con lei; su quali atteggiamenti emozionali erano nascosti dietro le parole che comunemente usavo per definire il nostro rapporto.

In altre parole, mi trovai a ridefinire il ruolo che io avevo nella sua vita.
Come la maggior parte delle persone che frequentavano il mio ambulatorio, anche io inizialmente definivo me stesso come “un padrone” o “un proprietario di…..”; anche io, in maniera assolutamente superficiale, nel presentare me stesso e la relazione che avevo con la mia gatta al mondo esterno, ero solito descrivere me stesso attraverso delle parole che non erano minimamente in grado di spiegare il complesso e profondo rapporto che si era instaurato negli anni con quella parte del regno animale.

Ho capito fin da subito che prima ancora di scegliere un termine sufficientemente “giusto”, dovevo pormi ancora una domanda; capii che tale domanda riguardava il mio modo di percepire l’animale che viveva con me; e cioè quali pensieri nascevano nella mia mente nel momento in cui i miei occhi incontravano i suoi.

Padrone della mia gatta io non mi sono mai sentito; e questo non tanto perché non è realmente facile essere padrone di un gatto nel senso di volerlo comandare, cosa alquanto difficile, proprio per la specificità di questo animale, quanto piuttosto perché non ho mai pensato che tale termine potesse chiarificare la mia figura nei suoi confronti.

Con il termine padrone si intende comunemente una persona che assume una posizione privilegiata e a tale atteggiamento deve fare necessariamente riscontro una certa sottomissione e obbedienza.

Una separazione, una differenza di piani; nel definirmi padrone sentivo che dovevo ribadire costantemente questa differenza. Ovviamente non posso nemmeno pensare che tale differenza non esista, non sarebbe logico pensare che io e l’animale siamo uguali, ma il fatto di ribadirlo costantemente, nel definire me stesso in relazione con lui, mi ha sempre dato l’impressione di voler calcare volontariamente troppo la mano su questo concetto.

Io e l’animale siamo differenti, lo so; ma nonostante la nostra differenza non vedo la necessità di ribadire tale concetto ogni volta che mi presento a degli estranei; come se dovessi, ogni volta, collocarlo in quella posizione; come se dovessi ribadire costantemente la mia superiorità nei suoi confronti. Se qui c’è qualcuno che comanda, quello sono io (il padrone) e l’animale deve solo obbedire.

Onestamente non voglio chiedere questo alla mia gatta; non voglio che mi percepisca come un padrone. E nemmeno come un proprietario, come qualcuno al quale qualcosa appartiene per diritto di proprietà.

In una frazione di secondo mi vengono in mente tutti quegli episodi nei quali è l’animale a scegliere il suo umano; tutti quei gatti che piano piano si avvicinano all’uomo, i quali, vincendo le ataviche paure, entrano dalle finestre o dalle porte e decidono di accomodarsi visibilmente compiaciuti sul divano o vicino alla stufa.

Chi sceglie chi? Chi appartiene a chi?

Mi sembrava che il vedere l’animale come una proprietà, come qualcosa che dava diritto di godere e disporre in modo pieno ed esclusivo appartenesse di più al mio vecchio modello di percezione; a quando, infarcito di nozioni scientifiche, trovavo giustificabile l’uso degli animali per la sperimentazione dei farmaci.

Se posso disporre dell’animale a mio piacimento, se lo considero come una mia proprietà, perché non pensare che possa essere corretto utilizzarlo per soddisfare tutti i miei bisogni?

Ho sentito sempre troppo stretto il concetto di proprietà, troppo legato ad un bene materiale, che troppo giustificava un atteggiamento di possesso: tu sei mio e faccio di te quello che voglio.

Non dissimile dalla separazione che vivevo quando vestivo i panni del padrone, anche quando mi definivo proprietario della gattina che condivideva i miei stessi spazi, di fatto, creavo tra me e lei un baratro incolmabile.

Una distanza che mi impediva di percepire la vera essenza di ogni animale, che negava la possibilità che anche lei, stando al mio fianco, e dedicando alla mia persona ogni momento della sua vita, fosse portatrice di quella scintilla divina presente in ogni manifestazione della Natura.

Padrone o proprietario che sia, l’uomo crea di fatto delle barriere tra lui e il mondo animale; barriere che di fatto non esistono, dal momento che l’animale che vive a stretto contatto con l’umano fonde la sua esperienza emozionale con la persona alla quale dedica la sua vita.

Barriere che sono crollate quando milioni di animali sono entrati a far parte delle quotidiane abitudini di moltissime famiglie; limiti infranti dalla calda invadenza di cuccioli che ben presto sono stati accettati come nuovi membri della famiglia; distanze che si sono assottigliate sempre più nei limitati spazi degli appartamenti cittadini.

Dopo moltissimi anni dall'inizio del mio peregrinare all'interno del mondo animale, io ora vedo la mia gatta come una compagna di viaggio; come un essere in grado di dare e ricevere sostegno.

Come qualcuno che coopera con me in nome di interessi ed aspirazioni comuni. E anch’io mi considero per lei un compagno di viaggio; anch’io coopero con lei in nome di interessi e aspirazioni comuni, perché ogni decisione che prendo nella vita, riguarda anche lei.

Compagni di viaggio, dicevo, perché considero la vita come un viaggio, un viaggio perenne dentro e fuori di me.
E un tratto di questo viaggio, una tappa, che per lei rappresenta una vita, ho deciso di condividerlo con lei.

E poiché la considero una compagna di viaggio, non solo una comparsa né tantomeno un surrogato di qualcosa che non ho (leggi pure: i figli) ho cercato di sviluppare interiormente un tipo di percezione che comprendesse anche lei.

Una percezione allargata di me stesso: non solo io, dunque, ma io con la gatta che vive con me. Io e la gatta che vive con me, la quale, trascorre la mia vita al mio fianco; la quale è talmente vicina a me da diventare una parte di me.

Lei è già una parte di me, o meglio, è diventata una parte di me dal momento in cui è entrata a far parte della mia vita e delle mie vicissitudini emozionali.

Lei, che usa proprio il linguaggio emozionale per comunicare con me, non ha certo avuto difficoltà a sintonizzarsi sul mio piano emozionale; a lei è venuto spontaneo considerarsi una compagna di viaggio.

Compagni di viaggio. Ecco…. si, così mi piace considerarci.

 

Revisione editoriale a cura della Dott.ssa Cinzia Ciarmatori Medico Veterinario