Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.

user_mobilelogo

Qui trovi il veterinario giusto per te:

Veterinari esperti in:

Prossimi Appuntamenti

 

iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

IlPurosangueRecensione scritta dalla Dott.ssa Dora Scialfa Medico Veterinario

"Il Purosangue animale da esperimento" e "Tocchi in penna al galoppo"
di Federico Tesio

Due libri in uno per cogliere la natura eclettica di Federico Tesio, allevatore straordinario di purosangue inglesi che hanno galoppato vincenti nella storia dell'ippica.

Il dott. Leopoldo Pagliano, che ha curato la pubblicazione e ne ha scritto la prefazione, esprime come solo un amico fraterno può fare, la tenacia e passione che Tesio ha dedicato ai cavalli da corsa nella sua veste di ricercatore ed artista.

"Rimasto orfano ancor bambino, Federico Tesio fu accolto come allievo nel Collegio Reale di Moncalieri...” così premette Pagliano e si coglie la dedica del libro: "Dedicato alla memoria di Padre Francesco Denza Barnabita astronomo e meteorologo insigne dal quale imparai ad osservare e sperimentare"; immediato il riferimento che ci porta già dentro gli scritti in Argentina di Tesio: “Alle volte l’aria era calma, non muoveva filo d’erba nella sconfinata prateria. Improvvisamente un cavallo puntava le orecchie, raspava con il piede e si coricava. In pochi minuti tutti gli altri cavalli della mandria lo imitavano. E, fatto strano, tutti si coricavano con la schiena rivolta dalla stessa parte della rosa dei venti. Poco dopo arrivavano le prime ventate del Pampero, vento più forte della bora a Trieste. Quando soffia il Pampero è difficile rimanere in piedi, bisogna buttarsi a terra. Con quale senso i cavalli avevano captato prima dell’uomo a grandissima distanza lo sconvolgimento dell’atmosfera? Perché avevano puntato le orecchie? Perché si erano coricati voltando la schiena al futuro vento?”.

Inghilterra, India, Cina, Giappone, Argentina, Stati Uniti e Canada sono tappe importanti nei suoi viaggi, ancora vent'enne alla fine del 1800, viaggi che divengono esperienze interiori e campi di studio da arare, nutrire, seminare ed innaffiare: i frutti di questo lungo processo li possiamo rivivere e gustare nei suoi due libri e nelle numerose vittorie dei sui cavalli, campioni che hanno emozionato appassionati e non solo.

Un dono che si fa scrigno di preziose osservazioni, aneddoti divertenti, sorprendenti intuizioni e coraggiose affermazioni, eccone alcune: "In questi ultimi venti anni nessun purosangue nato dalla fecondazione artificiale è mai riuscito a vincere una corsa classica... in nessun paese del mondo (sebbene quasi sempre figli di genitori celebri)"; " Si dice, ed è vero, che i cavalli da corsa camminano con le gambe, galoppano con i polmoni, resistono col cuore, ma vincono col cervello o per meglio dire con l'energia trasmessa dal sistema cerebro-spinale"; "...la composizione chimica dei peli varia secondo il colore, cioè I bai sono potassici e i sauri sono silicei"; "L'astrologia, fin dal tempo dei Caldei era una scienza, la quale ammetteva che le stelle e specialmente i pianeti avessero un influsso sugli uomini e sugli altri animali..."; "In venti minuti di lezione al giorno, in meno di un mese e senza conoscere la lingua, il puledro impara a portare l'uomo sulla schiena ed interpretarne i gesti e le parole. Nessun bambino imparerebbe così rapidamente con la sola interpretazione delle punizioni e delle carezze".

Federico Tesio diventa esempio di perseveranza ed equanimità dove la gioia di una vittoria lo faceva ringraziare con intelligente ironia e la sconfitta per poco lo rattristava, con un'autocritica fattiva. Una vita di studio applicato che diventa un faro per coloro che si trovano a relazionarsi con i cavalli per scelta e per destino.

 

Revisione editoriale a cura della Dott.ssa Cinzia Ciarmatori Medico Veterinario