Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.

user_mobilelogo

Qui trovi il veterinario giusto per te:

Veterinari esperti in:

Prossimi appuntamenti

 

iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

medicina cneseArticolo scritto dalla Dott.ssa Isabella Cilli Medico Veterinario

 

Quali sono i suoi campi d’applicazione? Quali possono essere i benefici per i nostri animali?

Quando e perché usarla?

Dimentichiamo per un momento protocolli medici, per entrare in un mondo diverso che dà importanza al singolo animale, al rapporto con l’ambiente in cui vive e alla sua sfera psichica.

È una vera e propria “arte medica” nata migliaia di anni fa in Cina come estensione di quella umana. Lo definiamo un sistema di cure, in quanto oltre all’agopuntura comprende altre branche quali:

  1. Terapie alimentari
  2. Erbologia cinese
  3. Tui-na (tecnica di massaggi).

A differenza della medicina allopatica, lavorando sulla causa della malattia e non sul sintomo, punta alla “vera guarigione”. Niente viene lasciato al caso, dall’alimentazione, al comportamento, all’ambiente in cui vivono i nostri animali.

L’uomo e l’animale rappresentano un microcosmo facente parte dell’universo, tutto è collegato, solo quando viene a mancare questo equilibrio si manifestano malessere e malattia.

TEORIE

Tutto si basa sulla filosofia taoista, sul dualismo Yin e Yang, i due elementi che caratterizzano ogni cosa nell’universo, come il sole e la luna, la notte e il giorno, opposti ma collegati.

Non esiste qualcosa totalmente Yin o Yang, bensì tutto si trasforma reciprocamente nell’altro elemento seguendo il ciclo della vita.

L’energia che dà vita ad ogni cosa è il Qi cosmico, la stessa energia che scorre nel corpo lungo i meridiani, canali energetici che seguono il percorso anatomico di nervi e vene.

Altrettanto importante è la teoria dei 5 elementi, nata dall’osservazione del ciclo delle stagioni. I cinque elementi sono: legno, fuoco, terra, metallo ed acqua.

Questi rappresentano le 5 stagioni, le 5 fasi della vita e servono per spiegare le relazioni tra gli organi corporei.

Così l’elemento legno corrisponde al fegato, il fuoco al cuore, la terra alla milza e allo stomaco, il metallo al polmone e l’acqua ai reni. Ognuno di essi controlla l’altro, e quando viene a mancare equilibrio in uno, di conseguenza il successivo subirà un danno.

MALATTIA = DISARMONIA

In medicina cinese la malattia è il risultato di una mancanza di equilibrio, di una disarmonia tra gli elementi Yin e Yang e la diagnosi procede attraverso l’identificazione della causa.

L’equilibrio energetico può essere compromesso da fattori esterni quali stress e clima, o ancora più importanti da quelli emozionali e alimentari.

Diversamente da un medico allopatico, oltre a prendere in considerazione i segni clinici, analizzo le caratteristiche individuali del paziente, per fare questo valuto attentamente il temperamento, il rapporto con l’ambiente e con il proprietario.

Dopo aver identificato la causa dello squilibrio, decido il percorso terapeutico, che può prevedere solo sedute di agopuntura o l’associazione tra agopuntura, erbe cinesi e terapia alimentare…

QUANDO USARLA

È di grande aiuto su pazienti affetti da malattie croniche, che diversamente sarebbero sottoposti a terapie atte solo ad eliminare i sintomi, con gli effetti collaterali che spesso ne possono conseguire.

Trova larga applicazione in caso di patologie muscoloscheletriche, problemi cronici gastroenterici, cardiaci, renali, neurologici, in pazienti oncologici e in tutti quei casi in cui pensate valga la pena tentare un’alternativa.

A volte i percorsi sono lunghi, ma non si può pretendere una “vera guarigione” in pochi giorni se ci sono alle spalle anni di malattie e gestione non ottimale!

AGOPUNTURA

Questa tecnica prevede la stimolazione con speciali aghi di determinati punti localizzati lungo i meridiani.

La seduta dura in media 20 minuti, la sua frequenza può essere settimanale o quindicinale, a volte nei casi più gravi sono solita farne due a settimana.

Non si possono ottenere risultati dopo una singolo trattamento, sono necessarie dalle 4 alle 6 sedute, il numero e la frequenza le decido in base al singolo caso clinico.

Contrariamente a ciò che molti pensano, non arreca stress all’animale, anzi, grazie alla liberazione di >sostanze endogene spesso induce una sensazione di benessere e di rilassamento.

ideogramma medicina veterinaria cinese