Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.

user_mobilelogo

Qui trovi il veterinario giusto per te:

Veterinari esperti in:

 

iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Recensione scritta dalla Dott.ssa Dora Scialfa Medico Veterinario

la fortuna c3a8 un gatto neroLA FORTUNA È UN GATTO NERO
I poeti cantautori del cabaret Chat Noir di Montmartre
di Marina Alberghin

In questo libro dal titolo e contenuti spregiudicati, Marina Alberghini ci fa rivivere l’atmosfera parigina fin de siècle, svelando come ebbe inizio l’avventura per Rodolphe Salis, pittore svizzero di poco talento che approda a Parigi nel 1871, all’età di 19 anni in cerca di fortuna. Fortuna che si concretizza dieci anni dopo, a 29 anni…in coincidenza del completarsi di un ciclo di Saturno.

 

 

Come una mela caduta dall’albero cambia la vita a Newton e non solo a lui, così Salis un giorno si vede piombare dal cielo un gatto nero, in caduta libera da un lampione a gas: Amoureux è il nome che sceglie per lui e a lui si ispira per il nome del locale Il Gatto Nero! Chat Noir! In rue Rochechouart 85 dove un enorme gatto d’ebano, diritto sulle zampe e un’aureola dorata ci accoglie.

"Quel giorno quell’uomo fantasioso e vistoso, che era la disperazione dei suoi parenti, non sapeva che la collina folta di vigne e giardini dove ora erano solo studi d’artisti e balli all’aperto, sarebbe diventata famosa grazie a lui. E a quel gatto nero piovutogli addosso".

Chat Noir! “Un locale di artisti, per artisti e per chi ama gli artisti…Non sarà una taverna e nemmeno un locale da ballo, ma il fulcro e il luogo di coesione delle libere intelligenze dell’epoca: poeti, pittori, scrittori, e gli esclusi dalle accademie e dal paludamento, cioè dalla cultura ufficiale… Al cabaret si affiancherà un giornale che vedrà le firme di Victor Hugo, Henri Rivière,…,Camille Saint-Saens, Andrè Gill e molte altre penne anticonformiste”.

In questa creativa avventura Salis non è certo solo, tra gli amici poeti cantautori dello Chat Noir quasi tutti saranno animalisti convinti, in omaggio alla loro insegna: il felino nero, magro e con gli occhi verdi, immortalato da Willette e soprattutto da Steinlen, che diventerà famoso proprio con le affiches del Gatto nero.

Dopo aver letto questo libro, la prossima volta che un gatto nero ci attraverserà la strada, il pensiero sarà per Amoureux e per tutti i gatti neri che ci danno l’opportunità di trasformare la superstizione in magia sacra degli incontri.

 

Revisione editoriale a cura della Dott.ssa Cinzia Ciarmatori Medico Veterinario