Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.

user_mobilelogo

Qui trovi il veterinario giusto per te:

Veterinari esperti in:

Prossimi Appuntamenti

 

iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Vito Di LorenzoIn che modo secondo te il cane può diventare un ponte tra noi e
la natura che ci circonda?

Il cane deriva dal lupo e come tale ha istinto primordiale che gli scorre nelle vene, lo si vede quando tra i boschi si destreggia abilmente, sentendosi a proprio agio in tutte le situazioni (annusa, ascolta, osserva e avverte).

A differenza, l'essere umano nei secoli ha ridotto al minimo tutti i suoi istinti e dinnanzi alla magnificenza di una montagna ne resta sempre stupefatto, si sente piccolo e vulnerabile, quasi estraneo. Olivia mi ha ri-insegnato ad affidarmi ai miei sensi, sopratutto uditivo e olfattivo, tramite questi, sono riuscito a staccarmi dalla città e fondermi con la natura, dimenticandomi tutte quelle false necessità impresse da una società sempre più a misura di robot. (Siamo dipendenti da PC, Smart phone, automobili, magazzini meccanizzati eccetera.) Nei momenti di relax, mettevo la mano nel suo cuore e mi rendevo conto che spesso anche il mio batteva con la stessa regolarità, cosa che a casa non succede. Sporco, sudato, stanco ma felice, mi sono sentito molto simile ad Olivia e ne sono stato onorato.

Quanto e in che modo questa avventura ha reso più profondo il tuo
legame con Olivia?

Io e Olivia vivevamo moltissime ore assieme anche grazie alle varie esercitazioni con la Protezione Civile (di cui facciamo parte come unità cinofila da soccorso) e quindi pensavo che il nostro legame fosse già speciale, ma mi sbagliavo per fortuna.
Olivia mi ha regalato l'opportunità di collegarmi a lei, e secondo me, sono loro che decidono di aprire quella porta, ma solo quando reputano sia il caso di farlo ed è nostro compito carpire quell'attimo e farlo nostro. Ecco, a noi è capitato questo e una volta capito come dialogare tra noi, ne abbiamo sfruttato ogni attimo per stare connessi.

Come si impara a comprendersi a vicenda? Qual è secondo te la via migliore?

Non è facile, ho dovuto spogliarmi dei vestiti da essere umano e indossare quelli del mammifero per poterlo fare, ma poi, tutto è cambiato e il nostro rapporto si è colorato d'arcobaleno. Bisogna demolire le barriere che ci siamo costruiti per sembrare chi in
realtà non siamo.

Quando hai capito che questa storia non riguardava solo te e Olivia?

La montagna te lo fa capire immediatamente se la calpesti con fretta; LEI, vuole essere "PASSEGGIATA"  e la connessione tramite Olivia, mi ha permesso d'aprire gli occhi su cosa è indispensabile e necessario e, cosa non lo è.

In che modo la montagna vi è stata di insegnamento e cosa avete "riportato a valle"?

La montagna mi ha insegnato a cambiare ritmo, tutta questa fretta, affannarsi e dannarsi l'animo non serve. La montagna è imponente e non ha fretta... Noi che siamo formichine al suo cospetto, perché dovremmo avere tutta questa smania dei minuti, o peggio dei secondi? Olivia si divertiva come una matta... Perchè non potevo semplicemente divertirmi anche io? Da allora ho cominciato a cambiare ritmo e ne sono felice.

Quali sono per la tua esperienza gli errori più frequenti che vengono commessi nell'instaurare una relazione con l'animale con cui si sceglie di convivere?

Il primo errore è scegliere un animale dall'aspetto o dalla bellezza. Io sono un tipo sportivo e non di certo potevo instaurare un rapporto a 2350mt con un Buldog Inglese.
Bisogna guardarsi dentro e capire che animale vorremmo al nostro fianco, quale ci rispecchia e a volte ammettere che non siamo pronti per avere un cane, magari un gatto potrebbe andare benissimo. (Più gestibili e autonomi)
Quindi io consiglio sempre di non avere fretta e non seguire le mode, al di là che uno vada ad acquistarlo o in canile. Olivia è stata adottata, ma sapevo a grandi linee che questa razza non era sedentaria, anzi, era ed è focosa, proprio come me.
Alcune cose, ma non slegate tra loro che sono indispensabili per cercare questa connessione uomo-cane è la pazienza, il tempo da dedicarci e il dialogo.
È un vero e proprio corteggiamento e bisogna mettersi in gioco.

Hai in programma altri viaggi con Olivia?

Questa volta non ho, ma abbiamo in programma... Si, questa volta voglio dimostrare a tutti che in vacanza ci si può andare anche con il cane e tutta la famiglia.
Un viaggio costeggiando l'Adige in bicicletta da Bolzano a Venezia.
Io, Francesca, Leonardo e Olivia. Un viaggio alternativo ripercorrendo l'antica via fluviale dei trasporti commerciali Veneti.
Attendendo questo viaggio, ho terminato da poco il mio secondo libro, logicamente al centro c'è sempre la mia amata Olivia.

Grazie e buona giornata
Vito Di Lorenzo

UN VIAGGIO, UN UOMO, UN CANE

 

Revisione editoriale a cura della Dott.ssa Cinzia Ciarmatori Medico Veterinario