Dinamiche di relazione tra l'individuo e il suo animale

Animali e gravidanza: cosa possono insegnarci?

Articolo a cura di Margherita Carretti, Naturalista ed Etologa, mediatrice nella relazione Animale

Ormai all’ottavo mese di gravidanza inizio ad avere una visione più chiara del profondo processo di trasformazione avvenuto dentro e fuori di me.

In questi mesi una grande forza generativa ha modificato il mio corpo, il mio sentire e il mio essere per dare vita e accrescere un altro individuo. Questo processo così naturale, ma allo stesso tempo incompressibile dal nostro intelletto nella sua totalità, racchiude dentro sé il mistero della vita. La natura per milioni di anni ha plasmato ogni essere vivente per essere pronto a questo momento, il fine ultimo dell’evoluzione, quello di perpetuare l’esistenza della propria specie. La nostra specie ha aggiunto a questo evento una valenza culturale molto ampia, che si è modificata nel tempo e che oggi vediamo espressa in modalità molto differenti nelle varie culture esistenti. Quello che però non cambia è l’esperienza biologica che ogni donna fa nel dare alla vita un altro essere umano.

Tolto l’aspetto culturale, il processo fisiologico rimane lo stesso, un processo che per la maggior parte dei suoi aspetti condividiamo con gli altri mammiferi. A livello neurobiologico, durante la gravidanza, vi è una vera e propria modificazione del nostro cervello, che aumenta l’attività dei sistemi più antichi e diminuisce lo spessore della sostanza grigia. In uno studio pubblicato su Nature Neuroscience si evidenza come questo strato più sottile di cellule grigie è associato allo sviluppo di maggiori competenze sociali, rendendo il cervello della donna più funzionale e sofisticato, pronto ad un comportamento cognitivo, sociale ed emozionale più maturo, rispondendo al contempo agli impulsi più basici che abbiamo in comune con gli altri mammiferi.

Queste modificazioni profonde del nostro essere rendono la gravidanza un’occasione unica per poterci riconnettere con la parte più intuitiva del nostro essere animali. I tempi della gestazione, ogni modificazione fisiologica e psicologica, ogni adattamento del nostro organismo è il frutto del lavoro di centinaia di migliaia di anni, che la selezione naturale ha attuato sulla nostra specie. Adattamenti che ci hanno dotate di un corpo e di una mente pienamente attrezzati e plasmati per questo scopo. I cambiamenti ormonali e fisiologici propri di questo processo portano la donna a sviluppare un’apertura naturale al sentire, aumentando la sua capacità di ascolto interno e verso l’ambiente circostante. Da una parte si sviluppano competenze ed accresce una grande forza interiore, dall’altra parte questa apertura al mondo rende la donna più fragile e vulnerabile. Così si vive pienamente immerse in una dualità di espetti complementari tra loro. D'altronde per dare alla luce il proprio cucciolo è necessario prepararsi a lasciare andare tutto, portando la donna alla massima apertura fisica a psicologica, facendo affiorare la più grande energia esistenze al mondo, quella generativa.

Cosa possono insegnarci gli animali in tutto questo processo?

Ad avere maggiore fiducia nel nostro essere donne, nel nostro essere mammiferi e nel nostro essere animali. Dentro di noi abbiamo tutti gli strumenti e le competenze per poter vivere la gravidanza, il parto e il diventare mamme nel migliore dei modi. La cultura patriarcale nella quale viviamo ha compromesso notevolmente questa fiducia, smarrendo un sapere antico, quello dell’enorme potere generativo racchiuso in ogni donna. Portando a non sentirci all’altezza, adeguate e incapaci, alimentando paure e un senso profondo di smarrimento. Ritrovare la connessione con la forza del femminile, che nei mesi di gravidanza fiorisce naturalmente in ogni donna, è un’esperienza che cambia profondamente il sentire di ognuna, permettendole di ritrovare la propria bussola interiore.
Gli animali ci possono accompagnare in queste cammino sia come guide, nel vivere con naturalezza la gravidanza, sia come custodi di quel sapere antico che ogni donna può riscoprire dentro di sé.


L'articolo è stato scritto da: Margherita Carretti
Professione: Naturalista ed Etologa, mediatrice nella relazione Animale
Email: margherita.carretti@gmail.com

Armonie Animali La rete del ben-essere animale ETS-APS
P.IVA 04430110405 - C.F. 92088900409 | segreteria@armonieanimali.com

Privacy & Cookie Policy

© 2021 Armonie Animali Tutti Diritti Riservati. Powered by Primastudio