Medicina non Convenzionale - MnC

Articolo a cura di Daniela Montesion, Medico veterinario Olistico esperta in Omeopatia

Il caso clinico in esame riguarda una gatta femmina sterilizzata, nata a marzo 2009, adottata da piccola, che vive da sempre in appartamento. Dopo un anno dal suo arrivo è stato introdotto anche un gatto maschio.


L'articolo è stato scritto da: Daniela Montesion
Professione: Medico Veterinario Olistico esperta in Omeopatia classica
Telefono: 335 820 4051
Email: md.omeovet@gmail.com
Sito: www.veterinariaolistica.com

Articolo a cura di Monica Premoli, Medico Veterinario

Nella mia pratica clinica utilizzo con estrema frequenza dei fitoterapici che a mio parere e per mia diretta esperienza, riescono spesso a sostituire principi attivi farmacologici di sintesi.


L'articolo è stato scritto da: Monica Premoli
Professione: Medico Veterinario
Telefono: 327 183 6555
Email: mtipunge@gmail.com

Articolo a cura di Federica Roano, Consulente di fiori di Bach per Persone e Animali - Bach Foundation BRFAP & BFRP

Quando si parla di fiori di Bach per gli animali, non è sempre facile capire di cosa si tratta.


L'articolo è stato scritto da: Federica Roano
Professione: Consulente di fiori di Bach per Persone e Animali
Sito: www.fioridibacheanimali.it

Articolo a cura di Daniela Montesion, Medico Veterinario Olistico esperta in Omeopatia classica

L’Omeopatia è sempre efficace, purchè il rimedio sia corretto: ogni giorno porto con me queste parole come una verità.


L'articolo è stato scritto da: Daniela Montesion
Professione: Medico Veterinario Olistico esperta in Omeopatia classica
Telefono: 335 8204051
Email: md.omeovet@gmail.com

Articolo a cura di Maria Cuteri, Medico Veterinario

Pare che i racconti attraggano l'attenzione del lettore che si sente così accompagnato nell'argomento, tenuto per mano proprio come da bambini le favole ci tenevano incollati a chi ci portava in un mondo di fantasia. Vi racconterò una storia realmente accaduta. Dal punto di vista puramente medico potrebbe veramente apparire quasi una fiaba, dove le speranze di migliorare le condizioni fisiche di questa creatura apparivano quasi un'utopia. Sono molti i gatti di colore bianco che ad un certo punto della loro vita cominciano a manifestare, a seguito di numerose ustioni causate dal sole, la presenza di ulcere sul naso o anche sulla punta delle orecchie. Nonostante la storia di questa gatta sia partita come tante altre, a lei è sicuramente accaduto un fatto speciale che ora vi narrerò.


Jane, così si chiama il personaggio del mio racconto, ha 7 anni e fino a febbraio non aveva mai manifestato problemi di salute. Tutto parte da una piccolissima ferita apparsa sulla narice sinistra. Inizialmente si era pensato a qualche lesione che lei si era inferta da sola, ma nell'arco del mese successivo l'ulcera cominciò ad espandersi in modo assai preoccupante. Jane, inizialmente non mostrava segni di fastidio o di dolore ma, chiaramente, la sua umana cominciava a preoccuparsi della veloce evoluzione dell'ulcera nasale. Il veterinario che aveva visitato Jane aveva subito proposto degli esami istologici per poter arrivare ad una diagnosi.
L' esito dell'istologico confermava la malignità della lesione, pareva un tumore riferibile ad un linfoma a grandi cellule. La terapia proposta alla signora prevedeva una chemioterapia ed eventualmente una radioterapia. La proprietaria si era rifiutata categoricamente di sottoporre la micia alle cure proposte, tuttavia non voleva certo rassegnarsi all'inevitabile. Il resto della famiglia, invece, si era lasciato convincere che non vi era nient'altro da fare, solo Raffaella (nome d’invenzione) continuava a credere che doveva esserci da qualche parte una terapia che poteva salvare la sua amatissima Jane. Proprio in quel periodo Raffaella era venuta a conoscenza di Armonie Animali, quindi si era messa a cercare tra i suoi professionisti qualcuno che potesse visitare Jane e quindi proporle una terapia alternativa. Sono stata scelta io, probabilmente perché eravamo le più vicine geograficamente. Tra me e Raffaella era nata subito una bella intesa, la mia proposta terapeutica prevedeva almeno un ciclo di terapia di biorisonanza settimanale per almeno due mesi e durante il primo incontro avrei testato con il mio apparecchio dei rimedi omeopatici e/o fitoterapici che potessero in sinergia lavorare su Jane in modo da poter potenziare l'effetto di entrambi.


Durante il primo mese e mezzo di cure il naso di Jane non era subito migliorato però la crescita del tumore si era arrestata. La placca di crosta che aveva sulla narice continuava a modificarsi sia nel colore che nella forma ma restava pur sempre della stessa dimensione, solo ad un certo punto la situazione sembrò prendere un'altra strada. I margini del tumore cominciarono infatti a perdere il rossore che li aveva contraddistinti fino a quel momento. La crosta che da due mesi invadeva la narice di Jane cominciò a cambiare fisionomia e a ridursi lasciando spazio ad un tessuto vivo sottostante. Avevo proposto a Raffaella di ricoprire la ferita con degli impacchi di argilla verde ventilata e da quel momento in poi la situazione sembrò prendere una svolta. I margini del tessuto ancora sano cominciarono a chiudersi lasciando una sorta di buco in sostituzione del tessuto necrotico precedente. Ormai erano passati quasi due mesi dall'inizio delle nostre terapie e mentre in un primo momento non era chiara l'evoluzione del tumore, ad un certo punto era diventato palese che il naso di Jane aveva voglia di guarire. Da qui in avanti fu sempre più evidente che la narice della nostra cara amica aveva deciso di rimarginarsi completamente. Finalmente si poteva anche levare il collare elisabettiano che Jane era stata costretta ad indossare per tutti i mesi della malattia.


E' chiaro che non tutte le ciambelle vengono col buco, non tutti gli animali che seguo mi regalano tali soddisfazioni. I motivi che portano ad una guarigione non sono solo le cure che stiamo prescrivendo e/o effettuando, ma oserei affermare che il valore aggiunto è dato dal lavoro interiore che il proprietario, spinto dalla malattia del suo Anima-le, è disposto ad effettuare su di sé. Voglio sottolineare questo concetto perché non vorrei che passasse in secondo piano in quanto oserei dire che ci può essere guarigione fisica solo se innanzitutto c'è quella animica. In questo caso il nostro racconto si conclude con un “vissero tutti felici e contenti”.


L'articolo è stato scritto da: Maria Cuteri
Professione: Medico Veterinario
Telefono: 334 891 6910

Articolo a cura di Elena Maria Caleca , Medico Veterinario specializzato in MTC-MNC

In natura esistono svariate specie di funghi tra cui quelli con proprietà medicinali che furono in tempi antichi e, a tutt’ora, impiegati per la cura di diverse patologie.


L'articolo è stato scritto da: Elena Maria Caleca
Professione: Medico Veterinario specializzato in MTC-MNC
Telefono: 347 111 2646
Email: elenacaleca@libero.it

Articolo a cura di Monica Premoli Medico veterinario esperta in Medicine Complementari

Durante la mia pratica clinica spesso mi viene chiesto di chiarire cosa si intenda con il termine di “medicina non convenzionale” e quale valenza abbiano questi metodi di cura nell’ approccio terapeutico che il Medico Veterinario decide di proporre e utilizzare.


Articolo a cura di Roberta Ricci, Medico Veterinario esperto in Comportamento e in IAA e Consulente di relazione Uomo Animale

L’intestino è un organo apparentemente semplice, di aspetto umile e con un compito spesso sottovalutato, ma questo lungo viscere cavo, è in realtà caratterizzato, da un punto di vista anatomico e funzionale anche nei nostri animali, da una complessità che lascia sbalorditi.


Articolo a cura di Riccardo Lucchesi, Medico Veterinario specializzato in Omeopatia

La vita è un mare, puoi osservare le onde, puoi studiarle dal punto di vista fisico e chimico, puoi fare delle previsioni su dove vadano ad impattare (questo è già un tentativo azzardato), ma non puoi fermarle.


L'articolo è stato scritto da: Riccardo Lucchesi
Professione: Medico Veterinario specializzato in Omeopatia
Telefono: 340 691 5641
Email: riccardolucchesivet@gmail.com
Sito: https://www.armonieanimali.com/component/k2/item/39-riccardo-lucchesi

Articolo a cura di Ilaria Magnelli, DVM, MSc nutrition, CVA

In questi giorni dove tutti c’interroghiamo su come dovrà essere o sarà il mondo post pandemia ho sentito forte la necessità come persona e professionista di rivedere, rivalutare la mia impronta, la mia presenza energetica e non solo sul pianeta Terra. Sento che avremo bisogno di un rimodernamento del nostro pensiero, una ricostruzione della maniera di essere donne e uomini, non siamo più quelli di mesi fa e non possiamo uscirne fuori come prima.


Articolo a cura di Simone Ventura, medico veterinario Medicina Non Convenzionale

La curcuma è una spezia dal colore dorato che viene estratta dalla radice della Curcuma Longa, una pianta originaria dell’Asia equatoriale.


L'articolo è stato scritto da: Simone Ventura
Professione: Medico Veterinario esperto in Medicina Non Convenzionale
Telefono: 348 784 7424
Email: simone.ventura64@gmail.com

Articolo a cura della D.ssa Daniela Montesion, Medico Veterinario Esperta in Omeopatia

Samuel Hahnemann (1755-1843), padre dell’Omeopatia, sosteneva che il medico deve conoscere le cause che disturbano la salute, che determinano e mantengono le malattie e da esse deve saper preservare l’individuo sano. Quindi il primo sforzo del medico è rivolto alla prevenzione, ovvero a sensibilizzare il paziente affinché innanzitutto metta in atto tutta quella serie di comportamenti atti a preservare lo stato di salute, quando egli è sano, e nell’eliminare i fattori esterni che peggiorano o addirittura predispongono alle malattie.


Page 1 of 5

Armonie Animali La rete del ben-essere animale ETS-APS
P.IVA 04430110405 - C.F. 92088900409 | segreteria@armonieanimali.com

Privacy & Cookie Policy

© 2021 Armonie Animali Tutti Diritti Riservati. Powered by Primastudio