Medicina non Convenzionale - MnC

La quarantena come riflessione e cambio di direzione

Articolo a cura di Ilaria Magnelli, DVM, MSc nutrition, CVA

In questi giorni dove tutti c’interroghiamo su come dovrà essere o sarà il mondo post pandemia ho sentito forte la necessità come persona e professionista di rivedere, rivalutare la mia impronta, la mia presenza energetica e non solo sul pianeta Terra. Sento che avremo bisogno di un rimodernamento del nostro pensiero, una ricostruzione della maniera di essere donne e uomini, non siamo più quelli di mesi fa e non possiamo uscirne fuori come prima.


Un periodo di chiusura di massa a questo livello le nostre generazioni non lo avevano mai conosciuto. Un periodo di fermo forzato, dentro le case, eventualmente d’introspezione, studio, meditazione e di solitudine porta dal punto di vista della medicina orientale un messaggio di Energia Yin. Lo Yin e lo Yang per la medicina cinese sono i due opposti, sono rispettivamente il femminile ed il maschile,l’energia e la materia, interdipendenti e collegati incessantemente nella continua ricerca di equilibrio e di armonia, l’uno non esiste senza l’altro.

Guardandomi indietro cosa vedo e qual è il messaggio di questa quarantena?
Siamo da secoli permeati dall’energia yang, di proiezione verso l’esterno, d’iperattività, frenesia in continuo movimento, un’energia penetrante, con caratteristiche maschili.
Cito da un libro della psicoterapeuta Marina Valcarenghi che parla in questo caso del pensiero maschile e femminile: “…un sistema maschile oramai da troppo tempo inflazionato, in grado di distruggere il pianeta ma non di sfamarlo, creerà un sacco di guai in un’imminente futuro, se non sarà affiancato con pari dignità dal pensiero femminile”. A cui aggiungo non solo dal pensiero femminile, ma anche dalle energie femminili dello Yin, in un lavoro di squadra per il miglioramento di noi stessi e della nostra Terra, come lo Yin e lo Yang hanno bisogno l’uno dell’altro, si completano l’uno nell’altro e non creano disequilibri quando seguono i loro corsi naturali di successione. “ Il giorno non può arrivare che al termine della notte, non vi può essere attività senza riposo, energia senza materia o contrazione senza espansione” dai Fondamenti di Medicina Cinese, Maciocia.

Perciò ho pensato che come essere umano e per costruire un Nuovo Mondo dovevo accogliere questa forma di energia riarmonizzando le caratteristiche dell’energia Yang e i sistemi vigenti fino ad oggi ad essa collegati, cioè quelli di produzione, prestazione, efficienza e rapidità. La modalità Yin è altresì ricettiva, empatica, sistemica e analogica. Come ha detto in un’intervista una scienziata della Nasa Sara Gant, rispondendo alla domanda secondo lei perché c’erano più donne alla Nasa rispetto al passato: “ci vuole un nuovo modo di pensare, di affrontare il futuro per un diverso modello di sviluppo”.
Le energie Yin e Yang come quella femminile e maschile sono dentro ognuno di noi, vanno oltre il genere, sono in ogni fenomeno, in ogni essere vivente. Questo virus segna una nuova epoca storica dando indicazione della strada da seguire e come affrontare il cambiamento, impariamo a “tonificare” (come si dice in medicina cinese) l’energia Yin femminile dell’Universo, cioè a riconoscerla ed accoglierla, energia che è stata dimenticata, non ascoltata, tralasciata per secoli, che è profondamente legata alla natura con le sue ciclicità.

Come ho applicato o penso di applicare quindi l’energia yin nella mia vita anche professionale?
Parto dal concetto di “One Health”, la parola porta in se un significato stupendo, cioè “Una sola salute” quella di umano-ambiente-animale. Questo periodo ci ha insegnato effettivamente che le tre aree sono interconnesse e che le interazioni tra loro sono fondamentali, provenendo questo virus da una specie animale differente dall’uomo. Come è avvenuto questo spillover? noi esseri umani abbiamo distrutto l’habitat di questo animale, lo abbiamo spostato di migliaia di chilometri e portato ad un mercato. Cioè non siamo stati attenti alle delicate relazione e interazioni delle tre aree, se ne modifichiamo una ci sono conseguenze su tutti e tre i sistemi, sull’ambiente perché abbiamo distrutto un’ecosistema, su un animale che si è visto costretto a cercare una nuova nicchia ecologia e sull’uomo che si è ammalato.

A questo punto vi chiederete quindi cosa c’entra lo Yin? Lo Yin è l’oscurità cioè che sta nell’ombra, il non evidente, è ciò che viene illuminato dal tenue barlume della Luna, si deve osservare con attenzione per distinguere tra le ombre, si deve andare più lentamente per comprendere i processi. In questo caso lo Yin rappresenta le delicate relazioni che non sono immediatamente evidenti ma che sono essenziali per il benessere di tutti.
L’energia Yin applicata alla mia professione, vuol dire metter in luce e osservare le relazione tra il proprietario e il proprio animale, tra una malattia e un’emozione, è andare a scavare nel profondo e arrivare alla radice del processo patologico. Andando ad amplificare il concetto, è vedere in maniera armonica e integrata la salute di tutti gli esseri che vivono su questo pianeta, dagli animali alle persone, all’ambiente che ci ospita. “One Health” riferito quindi a tutti gli aspetti di un essere vivente, spirito e materia, così come riferito all’aria (Prana o Qi cosmico, cioè energia che tutti giorni è a nostra disposizione), all’acqua (nutriente essenziale), alla terra, alle piante e alle altre forme di vita.

Reintegrare consapevolmente l’Energia Yin nella nostra vita vuol dire avere una visione sistemica e ricettivamente comprendere tutti senza isolare e dividere come la storia ci descrive che abbiamo fatto. Non viviamo isolati ma siamo legati e collegati oltre ogni nostra immaginazione, questo periodo ne è l’esempio e vuole mettere in luce questi aspetti, portarli alla comprensione di tutti.
Dopo aver tonificato lo Yin cioè compreso e accolto arriva il momento di bilanciarlo, abbiamo bisogno dell’energia Yang che ci aiuti a diffondere, a muoversi, a risvegliarci e portare questa nuova coscienza, oltre che dentro noi stessi, verso l’esterno, nelle relazioni, nelle reti della vita e dell’Universo.
Effettivamente siamo meno soli di quello che ci è sembrato in questo momento di reclusione, siamo come le perle di un mala, ognuna con la propria unicità, tutti collegati da un unico filo ed essenziali per comporre la collana.


Armonie Animali La rete del ben-essere animale ETS-APS
P.IVA 04430110405 - C.F. 92088900409 | segreteria@armonieanimali.com

Privacy & Cookie Policy

© 2020 Armonie Animali Tutti Diritti Riservati. Powered by Primastudio