Permacultura, agroecologia e allevamento

Galline felici

Articolo a cura di Pietro Venezia, Medico Veterinario

 

Nel meraviglioso e illuminato testo di David Holmgren "Permacultura: dallo sfruttamento all'integrazione. Progettare modelli di vita etici, stabili e sostenibili" si susseguono una serie di riflessioni e di ragionamenti estremamente attuali e incredibilmente innovativi, degni di essere continuamente letti e approfonditi.


Negli ultimi decenni l'animale ci è servito a rivedere e riconsiderare alcuni punti di vista riguardo alla nostra vita su e con Madre Terra. Alcuni decenni fa nessuno o almeno pochi umani avrebbero difeso il lupo, la volpe, l'orso, il topo, il leone, la tigre, nessuno avrebbe tenuto una gallina, un maialino o un coniglio come pet. L'animale veniva relegato in spazi angusti, la fiera, l'animale feroce veniva sminuito nei circhi, l’uomo evidenziava la sua prepotenza, la sua superiorità ad ogni legge naturale, la sua incondizionata dominanza su ogni evento naturale.


Oggi quelli che erano nemici acerrimi dell'uomo (serpenti), le figure negative delle favole (lupo), i rappresentanti della stupidità, (gallina, asino, oca) della sporcizia e maleducazione (maiale) del diavolo (capra) e della codardia (pecora) sono diventati animali da conoscere e sostenere, simboli di rigenerazione e libertà. I cani, i gatti si sono intrufolati sotto le lenzuola dei nostri letti, sono diventati membri della famiglia, molte persone non sopportano più di vedere animali maltrattati e in gabbia, boicottano i circhi che utilizzano animali, molti non consumano più proteina animale, non fa più ridere parlare di benessere animale.


Questa evoluzione verso il benessere animale delle zone economicamente ricche del pianeta nasconde però qualcosa di fittizio, la zootecnia industriale, infatti, continua a far vivere gran parte degli animali in strutture inadeguate, chiuse, ristrette, estremamente energivore, senza spazi all'esterno, senza accessi ai pascoli, senza vita sociale e sessuale. Come possiamo parlare di benessere quando gli erbivori non pascolano, le galline non razzolano, non si appolaiano ed i maiali non grufolano?


In Italia si allevano circa 500 milioni di polli da carne, 50 milioni di galline ovaiole e milioni di altro pollame tra faraone, tacchini, anatre, oche e quaglie. In Europa i numeri ovviamente crescono, ci sono 250 milioni di galline di ovaiole mentre nel mondo il pollame raggiunge i 12 miliardi di unità.


La maggior parte di questi animali ha vita brevissima, meno di 40 giorni per il pollo da carne e circa un anno e mezzo per le galline ovaiole costrette a produrre il massimo possibile ogni giorno della loro breve ed infelice vita.


Grazie alla progettazione in permacultura abbiamo riflettuto in profondità sulla situazione della gallina oggi e proponiamo una formazione non esclusivamente sul benessere della gallina, ma sul benessere del sistema (ambiente, uomo, animale) che ospita o che ospiterà del pollame. Si lavorerà sul pollaio e sulle sue strutture interne (posatoi, nidi, areazione, irraggiamento solare ecc.), sull'aia chiusa per alimentare ed abbeverare gli animali protetti dai predatori selvatici (volpe, donnola, furetto, lupo, poiana ecc) e da quelli domestici come il cane. Si ragionerà sul pascolo che dovrà fornire cibo ed ombra non solo alla gallina ma anche a chi convive con loro. Si lavorerà sul posizionamento dei sistemi (zonazione e settori), ragioneremo sulle connessioni tra la produzione di precompost migliorato dalla gallina, sull'utilizzo degli scarti organici di casa, sull'utilizzo finale del compost per orto ed alberi da frutta.


Un percorso che riporti la gallina in una dimensione più consona alle sue esigenze etologiche di specie, su un rapporto corretto con l'uomo e la natura che li ospita. La rete di conviventi consapevoli con la gallina si sta ampliando, partire dalla progettazione e dalla formazione è fondamentale.


Un grande abbraccio


L'articolo è stato scritto da: Pietro Venezia
Professione: Medico Veterinario Permacultore
Email: omeopatia@pietrovenezia.it

Armonie Animali La rete del ben-essere animale ETS-APS
P.IVA 04430110405 - C.F. 92088900409 | segreteria@armonieanimali.com

Privacy & Cookie Policy

© 2022 Armonie Animali Tutti Diritti Riservati. Powered by Primastudio