Articoli di Armonie Animali

Articolo scritto dalla Dott.ssa Margherita Carretti, Etologa e Naturalista a cura del dott. Stefano Cattinelli medico veterinario

contagio emozionaleChiunque condivida la sua vita con un animale si sarà reso conto di come la comunicazione con loro viaggi anche attraverso un piano di tipo emozionale.

Non sto parlando solo di quegli episodi straordinari che si sentono raccontare in cui un animale non si allontana per giorni dal letto del suo compagno umano malato, ma di quei momenti di vita quotidiana, come una passeggiata, in cui anche solo un nostro piccolo aumento d’ansia viene percepito ed immediatamente porta ad un aumento dell’attenzione anche da parte del nostro compagno a 4 zampe.

Non si tratta di poteri soprannaturali, ma di un meccanismo adattativo sviluppatosi nel corso dell’evoluzione fin dall’origine dei cordati, più di 600 milioni di anni fa, chiamato Contagio Emozionale.



Articolo scrito dal Dott. Pietro Luciano Venezia medico veterinario

"Una visione molto grande è necessaria e l'uomo che la sperimenta
deve seguirla come l'aquila cerca il blu più profondo del cielo."
Crazy Horse,"Cavallo Pazzo", capo Sioux

 

articolo pietro veneziaPrima di essere un veterinario a basso impatto ambientale bisogna riflettere sul fatto di come ci si comporta come persone e, come dicono gli indigeni maya Ixil, "bisogna saper camminare sulle proprie parole."

Sono le scelte quotidiane di vita, anche i gesti più semplici, che caratterizzano una persona consapevole, cominciando dallo stile di vita, dall'uso dell'auto, dal cibo con cui ci nutriamo ai vestiti che scegliamo di comprare, dai detersivi che adoperiamo al riscaldamento di casa; ogni gesto implica la messa in moto di un sistema economico, ambientale e sociale; ogni gesto può alimentare e mantenere filiere sane o filiere ad alto impatto.

Gli stessi ragionamenti che faccio per adeguare il mio stile di vita quotidiano, e quello della mia famiglia, li applico alla mia professione.



Di Matteo Gandi, educatore cinofilo e Ilaria Magnelli medico veterinario omeopata

Che esperienza fantastica quando un cane entra nel nostro nucleo familiare!

Un legame che si è co-evoluto in migliaia di anni, portando alla nascita di una nuova specie, il “Canis familiaris”, poi selezionato nelle centinaia di varietà che oggi conosciamo.

L’uomo e il cane, due specie differenti, hanno stretto un forte legame e forse lo sforzo maggiore è sostenuto proprio dal cane, nel tentativo di comprendere il nostro mondo e il nostro linguaggio.




dieta barf per cani anziani o malati piccolaIn questi casi uno stile di vita adeguato e soprattutto un'alimentazione biologicamente appropriata possono risparmiare e risolvere molte problematiche.

Cambiare l'alimentazione del cane passando al cibo crudo della dieta BARF, infatti, può ottenere grandi effetti sia negli animali anziani che in quelli malati.

In questa guida viene spiegato come nutrire in maniera corretta e naturale il cane anziano e a cosa fare attenzione nel preparare i suoi pasti.

Viene inoltre illustrato il tema dell’alimentazione in caso di malattia, con tanti consigli su come aiutare l’animale con rimedi casalinghi o integratori. In particolare vengono dati consigli in caso di tumore, problemi digestivi, malattie del fegato, delle giunture, della tiroide e molte altre problematiche.

Per agevolare la consultazione la guida contiene tante utili tabelle, approfondimenti e le risposte alle principali domande e dubbi.

Il cane anziano, in genere, si ammala più spesso. Ciò è legato non solo al processo d’invecchiamento, ma soprattutto al modo in cui ha vissuto nei suoi primi anni di vita e in particolare a come è stato nutrito. Molti cani, inoltre, si ammalano prima di raggiungere l'età della “vecchiaia”.

Con tabelle e piani alimentari
€ 11.8



Articolo scritto da Alberto del Negro Esperto in Interventi Assistiti con gli Animali (Pet Therapy)
a cura di Elisa Bazzi Veterinaria comportamentalista esperta in Interventi Assistiti con gli Animali

Alberto del NegroLavoro da quindici anni nel settore degli interventi assistiti con gli animali ed ogni incontro mi fornisce l’occasione di riflessione su quello che un animale è in grado di offrire.



Di Giovanna M. Vivani medico veterinario omeopata

“Non mi aspetto che l'omeopatia venga riconosciuta dalla medicina ufficiale, ma che continui ad essere popolare.”
James Randi

Una mattina ero in ambulatorio e mi chiama una cliente che non sentivo da un po' di tempo, era molto agitata e disperata per uno dei gatti che vivono in una colonia felina in Sardegna.

Lo aveva trovato paralizzato davanti alla sua porta ma preferisco che sia lei a raccontarvi direttamente la storia di Piumino.

articolo vivani



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

 

Non esiste patto che non sia stato spezzato, non esiste fedeltà che non sia stata tradita, all'infuori di quella di un cane veramente fedele.

Konrad Lorenz

forza costellazioneÈ un dato di fatto, sperimentabile in prima persona da chiunque, che il cane vive una certa gioia nel fare le cose insieme a noi. Più noi condividiamo la nostra vita con lui prendendoci degli spazi specifici per fare delle esperienze insieme a lui più il nostro legame diventa saldo e più ci accorgeremo che il suo sguardo trasmetterà una richiesta di coinvolgimento sempre maggiore.



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

Forse Dio vuole che incontriamo un po' di gente sbagliata prima di incontrare quella giusta, così quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo.

Paulo Coelho

accompagnamento empaticoAccompagnare un animale nei suoi ultimi giorni di vita è un’esperienza spirituale. Ovviamente la capacità di cogliere l’evento riconoscendo le forze che sottendono a quello che accade dipende solo da noi; da quanto ci interessa riconoscerle e valorizzarle.



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

Lasciare significa: lasciare che per un po’ le cose seguano il loro corso,
che si muovano liberamente senza il nostro intervento,
finché la direzione del loro movimento non si mostri spontaneamente.
Bert Hellinger

 

tigre e uomo

Una delle caratteristiche intrinseche dell’esperienza della Costellazioni è quella di poter vedere le situazioni sotto un altro punto di vista.

Le Costellazioni, grazie ai rappresentanti umani che mettono in scena i movimenti interiori ed esteriori degli animali, ci conducono a nuove prese di coscienza non solo riguardo a quella che è la relazione con il nostro animale ma soprattutto rispetto a quello che lui ci vuole comunicare attraverso il suo comportamento o attraverso i suoi sintomi.



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

Il compito più alto di un uomo è sottrarre gli animali dalla crudeltà

Emile Zola

cuccioliOggi più che mai la sacralità dell’incontro tra l’uomo e il cane ha bisogno di essere illuminata dalla coscienza.

Da quando l'epoca dei cani da caccia, da pastore, da riporto o da qualsiasi altro lavoro di sostegno all’attività umana ha lasciato il posto a quella della "compagnia" o "d'affezione", anche per il cane si sono aperte le porte per nuove esperienze a fianco dell’uomo.



convegno biorisonanza

"Le terapie di prevenzione e di cura dei nostri animali attraverso la biorisonanza"
- biorisonanza in Medicina Veterinaria
- metalli pesanti: diagnosi sovraccarico tossico attraverso l'ausilio della biorisonanza
- casi clinici ortopedici trattati con medicina integrata e ozonoterapia
- esperienze di trattamenti curativi con la biorisonanza nei piccoli animali (cani e gatti) dalla paralisi all'anemia
- biorisonanza in medicina equina: casi clinici e riflessioni personali (infertilità, allergia, patologia respiratoria acuta)
- magnetoterapia in ambulatorio: che cosa è e a cosa serve

All'interno dell'evento verrà proiettato il film "Un altro mondo" di Thomas Torelli

Costo:
60 euro + 20 euro iscrizione Armonie

Per info: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Scarica il programma completo

Incontro aperto a tutti max 50 partecipanti



Articolo scritto dal Dott. Alessandro Prota Medico Veterinario

L’Ozonoterapia rappresenta un valido supporto nella terapia dei Tumori, così come avviene nel campo umano i nostri amici a quattro zampe possono beneficiare di un trattamento atossico ,anallergico, che migliora la tollerabilità del chemioterapici mettendo in atto una serie di meccanismi antiossidanti che vanno a riparare i danni provocati dal trattamento chemioterapico, inoltre uno dei maggiori problemi in campo oncologico e che il farmaco non riesce a raggiungere il cuore del tumore perché quest’ultima si crea una sorta di corazza attorno e quindi l’ozono migliorando la microcircolazione fa sì che il farmaco riesce a raggiungere la massa tumorale. Questo meccanismo di migliorare il microcircolo non deve confondersi con l’ angiogenesi tumorale che mediante la stimolazione di un fattore di crescita endoteliale fattori di crescita rilasciati dalla cellula tumorale stimolano la formazione di nuovi vasi e quindi la nutrizione del tumore ,su questo meccanismo (dell’angiogenesi) infatti l’ozono ha un azione inibente impedendo così la nutrizione della massa e eventuali metastasi.



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre."
Gandhi

accompagnamento epaticoL’accompagnamento empatico non è necessariamente un percorso facile.
Capita spesso di trovarsi nella situazione dove le persone che ci stanno intorno, o anche a fianco, siano contrarie a questo tipo di esperienza; dove chi avremmo pensato, o voluto, che fosse un sostegno riguardo ai nostri dubbi e alle nostre insicurezze si rivela invece una persona che, con i suoi giudizi, tende a destabilizzare ulteriormente la nostra capacità decisionale.



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

“I cani sono il nostro legame con il paradiso.
Non conoscono il male né la gelosia né la scontentezza.
Sedersi su un pendio con un cane in uno splendido pomeriggio
è come tornare nel giardino dell'Eden
in cui oziare non era noioso: era la pace.”
Milan Kundera

articolo settMoltissime persone, soprattutto durante i seminari del percorso di Dinamica Emozionale Uomo-Animale-Uomo, mi chiedono cosa penso riguardo al sacrificio che gli animali stanno facendo prendendosi in carico, e mettendo in scena attraverso i loro comportamenti e gli eventuali sintomi, le tematiche esistenziali che riguardano le persone che li accudiscono.



Vi presentiamo il libro sctto dalla nostra socia Dott.ssa Valentina Taccini

La chiropratica veterinaria, disciplina ancora poco conosciuta in Italia, tratta la ridotta motilità a livello della colonna vertebrale e delle varie ossa dello scheletro, utilizzando delle manualità indolori ed in genere gradite all’animale, integrate con indicazioni sugli stili di vita adeguati come il giusto riposo ed esercizio, la giusta dieta e la sua salute fisica e mentale. Gli aggiustamenti chiropratici riescono a dare sollievo dal dolore, favorire il recupero funzionale, stimolare la guarigione e ridurre le ricadute ma come molte discipline olistiche manuali le tecniche richiedono una formazione specifica praticabile solo in corsi specialistici. Lo scopo di questo libro è quello di diffondere la conoscenza della chiropratica, dimostrarne utilità e limiti, tra la gente comune ed i veterinari dando un quadro preciso di come la chiropratica agisca e delle patologie risolvibili o alleviabili con l’aggiustamento chiropratico e indagandone le basi anatomiche e neurologiche che sono alla base della guarigione.

Chiropratica Veterinaria
€ 23



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

amicizia uomo cane 620x350

Ti auguro una strada da percorrere giorno dopo giorno, con grande calma interiore, senza quella strana esitazione che a volte ci prende.
Ti auguro di imparare a riconoscere la bellezza in ogni cosa, l'armonia nella natura, la poesia nella vita."

Stephen Littleword

Quando parliamo di accompagnamento empatico alla fine della vita del nostro animale significa che abbiamo scelto di non praticargli l’eutanasia ma di dargli la possibilità di morire spontaneamente da solo, quando vuole.



Articolo scritto dal Dott.ssa Marilisa Picca Medico veterinario omeopata

micoterapia IBD

La malattia infiammatoria intestinale, in inglese inflammatory bowel disease (IBD), descrive un gruppo di disordini caratterizzati dalla presenza di cellule infiammatorie a livello della mucosa del tratto gastroenterico in assenza di batteri, parassiti o altri agenti patogeni. L'IBD è probabilmente la più comune causa di vomito e diarrea cronici nel cane e nel gatto.



Recensione scritta dalla Dott.ssa Dora Scialfa Medico Veterinario

la fortuna c3a8 un gatto neroLA FORTUNA È UN GATTO NERO
I poeti cantautori del cabaret Chat Noir di Montmartre
di Marina Alberghin

In questo libro dal titolo e contenuti spregiudicati, Marina Alberghini ci fa rivivere l’atmosfera parigina fin de siècle, svelando come ebbe inizio l’avventura per Rodolphe Salis, pittore svizzero di poco talento che approda a Parigi nel 1871, all’età di 19 anni in cerca di fortuna. Fortuna che si concretizza dieci anni dopo, a 29 anni…in coincidenza del completarsi di un ciclo di Saturno.

 



Sei anche tu tra la schiera di quelli che, dopo anni di (inutili) terapie inefficaci, si trova ancora a non sapere come comportarsi per aiutare il proprio compagno animale “tormentato” da reazioni e fastidi di origine allergica? Perché non riusciamo a trovare una soluzione efficace, duratura e soprattutto senza effetti collaterali?

Siamo abituati a pensare al dottore come a colui che dispensa farmaci pronti all'uso per ogni problema, senza tenere conto che dietro a ogni sintomo vi è l'unicità del singolo paziente. Quest'opera propone un modo nuovo, integrato ed empatico, di prevenire e curare.

La veterinaria Maria Cuteri, in oltre 10 anni di lavoro, ha sperimentato metodi efficaci per prevenire e guarire le allergie e le intolleranze con metodi non invasivi.

Allergie nei Cani e nei Gatti
Cause, sintomi, prevenzione, rimedi naturali ed esperienze di guarigione
€ 12.9



Articolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico veterinario omeopata

Alimentazione naturale cani gattiUna volta non esistevano né le crocchette né le scatolette; sono un’invenzione moderna.

Qualcuno potrebbe dire: sì, ma una volta i cani e i gatti avevano più problemi e morivano prima. Noi veterinari vediamo che, in generale, gli animali hanno molte più malattie di un tempo.



Articolo scritto dalla Dott.ssa Laura Cutullo Medico veterinario omeopata

fiori californiani per gli animali 116294Anni fa, e per molti decenni, a Milano girava un uomo che sembrava un folle. Costui con cartelli addosso e sulla sua bici, gridava senza sosta “Ci uccidono con l’onda. Con l’onda ci uccidono!” È mancato qualche anno fa, personaggio ben conosciuto da tutti i Milanesi, e oggi, dopo tempo la sua follia non sembra più tale. Forse aveva proprio ragione lui, ma ce lo gridava quando non eravamo ancora pronti ad ascoltare le sue ragioni. E dire che non è stato il primo a parlare di effetto letale delle onde. Già Emilio Salgari nel 1907 nel suo “Le meraviglie del 2000” racconta di due uomini che si risvegliano da un sonno centenario nell’anno duemila, appunto, e il loro cervello collassa perché il fisico non riesce a resistere alle influenze dell’elettricità della quale è carico l’ambiente. Oggi siamo in quel 2000, anzi oltre, e ben sappiamo che, oltre alle sostanze chimiche, ai rumori, alle polveri sottili, c’è una realtà invisibile che interferisce in modo negativo con le sostanze viventi e non viventi e nella quale siamo ormai immersi: si tratta dei campi elettromagnetici. Essi hanno assunto un'importanza via via maggiore, legata principalmente alla rete elettrica e allo sviluppo esponenziale e rapidissimo dei sistemi di telecomunicazione diffusi capillarmente sul territorio.




animali specchio dell animaIl forte legame tra uomo e animali raccontato in un libro da Ruediger Dahlke

Gli animali domestici sono legati in modo profondo e inseparabile alle persone con le quali vivono: provano le loro stesse emozioni e possono condividerne gioie e malesseri.

Attraverso numerosi esempi provenienti da un'attenta pratica clinica, l'omeopata e veterinaria Irmgard Baumgartner ci dimostra, infatti, come gli animali, in maniera naturale, rispecchiano e sono in sintonia con la nostra anima nel tentativo di alleggerirla quando ne abbiamo bisogno. Possono ammalarsi con noi, evidenziando i nostri stati d'animo, perché sono in grado di sentire le nostre emozioni. Cani e gatti reagiscono, infatti, in modo chiaro e semplice quando ai loro amici umani accadono eventi drammatici come separazioni, lutti, cambio di casa, ecc.



In questo libro, Massimo Vacchetta racconta lo straordinario incontro che lo ha aiutato a uscire da un periodo buio e gli ha dato un nuovo scopo: creare un centro di recupero per i ricci, una specie minacciata dalla nostra disattenzione, e aiutare gli esemplari in difficoltà. Come Trilly l'impenitente dongiovanni, o la fragile Lisa che ha conquistato tutti con il suo sguardo, o Zoe che ha saputo resistere a ogni colpo. Animaletti feriti, maltrattati, indifesi, ma in grado di trasmettere una grande voglia di vivere.

25 Grammi di Felicità
Come un piccolo riccio può cambiarti la vita
€ 17



Ognuno di noi, prima o poi, si è chiesto se gli animali abbiano un’anima. E pochi sono quelli che hanno ricevuto una risposta soddisfacente. Gli Autori, mettendo in pratica le loro non comuni capacità di uscita cosciente dal corpo, per diversi mesi hanno avuto contatti diretti con gli esseri che dirigono il mondo animale, con le anime-gruppo, con i deva e con gli animali stessi. Questi contatti strettissimi, perché non ostacolati dai limiti del corpo, consentono di portare nuova luce sull’intelligenza della vita animale, un universo del quale l’uomo del ventesimo secolo ignora praticamente tutto. Avete mai sospettato che, dietro l’aspetto familiare del vostro cane o del vostro gatto, possa nascondersi un grande essere?

Il Popolo degli Anima-li
€ 14



Articolo scritto dalla Dott.ssa Elisabetta Bellicini Medico Veterinario

Il CASO

foto bimbaLei è Bimba, cane meticcio femmina sterilizzata di 6 anni. Vive con la sua padrona e un altro cane (Kiki) femmina sterilizzata di 8 anni in una casa con ampio cortile privato. Non è quasi mai uscita dalla proprietà, poiché la signora ha avuto problemi gravi di vista che l’hanno portata a non poter neppure uscire di casa.



Articolo scritto dalla Dott.ssa Marta Pattaro Medico Veterinario

cuccioloUna delle prime cose che ci si trova ad insegnare al cucciolo, è come dove e quando sporcare. Come sempre, dove c’è una domanda…il mercato risponde! E così eccoci spuntare nei negozi traversine di diverse marche e dimensioni, pubblicizzate come “lo strumento per” insegnare al cucciolo che quello è il posto giusto.



rescue remedyArticolo scritto dal Dott. Stefano Cattinelli Medico Veterinario

Nel percorso di accompagnamento empatico alla fine della vita il Rescue Remedy, il rimedio di emergenza dei fiori di Bach, è un rimedio davvero eccezionale.
Perché?

Il punto essenziale di questo articolo non è affrontare direttamente il tema del dolore (già affrontato in un precedente articolo) ma piuttosto riflettere su quanto importante sia stare nel proprio dolore.



Articolo scritto dal Dottor Stefano Cattinelli Medico Veterinario

La vita appartiene ai viventi, e chi vive deve essere preparato ai cambiamenti.

Goethe.

Padrone proprietarioNella mia professione ho dovuto, e voluto, cambiare più volte la modalità con la quale mi relazionavo con il regno animale.

L’approccio scientifico, frutto dell’insegnamento universitario, aveva fatto sviluppare in me una visione di tipo meccanicistico. Con lo studio dell’omeopatia, l’animale-macchina è stato soppiantato da una percezione più ampia, che tenesse conto dell’intera vita dell’animale; che tenesse conto dei sottili movimenti dell’energia vitale insita nell’organismo animale. Con il successivo approfondimento dei fiori di Bach la visione si è ampliata ulteriormente e l’animale mi è apparso come un essere la cui essenza era rappresentata specificatamente dall’aspetto emozionale.



Articolo a cura della Dott.ssa Dora Scialfa Medico Veterinario

lupo gubbioIl Dr. George Joseph Goodheart Jr., classe 1918, come ogni ricercatore open mind, quarantenne agli inizi degli anni '60, con l'anelito di essere sempre più efficace e d'aiuto ai suoi pazienti, trasforma la sua professione di chiropratico: usando i test muscolari di due fisioterapisti americani, Kendall e Kendall, scopre che la stimolazione sull'origine ed inserzione di un muscolo inibito o su aree ad esso riflesse lo rafforzano sorprendentemente. Grazie agli studi e alle ricerche con altri colleghi e professionisti trova nuove metodiche per rafforzare muscoli deboli, sviluppa il lavoro degli anni trenta del Dr. Frank Chapman e comincia a presentare i suoi studi in occasione di congressi. In seguito autorizza 12 chiropratici, tra cui il Dr. John Thie ad insegnare queste metodiche e da questa collaborazione nasce il Collegio Internazionale di Kinesiologia Applicata, per dare una formazione in Kinesiologia a medici e chiropratici e portare avanti le ricerche scientifiche.



Il Gatto Cosmico di Paul KleeRecensione scritta dalla Dott.ssa Dora Scialfa Medico Veterinario

Marina Alberghini, autrice di questo libro, tra le altre competenze, è Presidente dell'accademia dei Gatti Magici e ci accompagna con passo felino a conoscere, attraverso i loro gatti, artisti che hanno rivoluzionato la storia dell'arte agli inizi del '900, alle prese con la prima guerra mondiale e le vicende del Bauhaus.

La copertina del libro riproduce una metà del quadro di Paul Klee intitolato Il gatto e l'uccello (1928).



il manuale completo sulla salute del cane e del gattoQuali buone pratiche devo seguire per mantenere in salute il mio cane e il mio gatto? Le crocchette e il cibo in scatola fanno bene? Qual è la giusta alimentazione da seguire? Il mio animale ha le zecche, i vermi, le pulci: cosa devo fare? I vaccini sono da fare o no? Quali sono le migliori terapie per curare il diabete, le malattie del fegato, le allergie, i tumori? Devo far sterilizzare il mio cane o gatto?



Articolo scritto dalla Dott.ssa Marilisa Picca Medico Veterinario

dnaDa quando ho iniziato a occuparmi di Medicine Non Convenzionali, mi confronto quotidianamente con clienti che non si limitano a recepire passivamente, come contenitori vuoti, quanto gli viene prescritto dal medico. I proprietari che si rivolgono ai veterinari olistici sono spesso persone preparate e (iper)critiche, che amano informarsi ed essere coinvolte nella cura e nell'alimentazione dei loro compagni di vita.




guida pratica alla permaculturaGuida Pratica alla Permacultura

 

Permacultura significa sostanzialmente praticare l’agricoltura seguendo il modello naturale, basato sui cicli naturali e gli ecosistemi: tutti gli elementi di questo sistema interagiscono fra di loro.

 

 

 

Leggi TUTTO

 

 




fiori californiani per gli animali 116294Fiori californiani per gli animali

 

Questo nuovo libro di Laura Cutullo, che si legge piacevolmente, ma è al contempo anche un manuale, descrive il significato e l'applicazione dei  concetti base della Floriterapia alla medicina veterinaria, spiegando la complessa psicologia di cani e gatti e della relazione che essi hanno con le persone alle quali sono legati.

 
Leggi TUTTO

 

 




Cutullo fiori bachFiori di Bach per gli animali

 

Cosa posso dare al mio cane che ha il terrore dei temporali? Come posso rendere meno drammatica la convivenza tra due gatti che proprio non vanno d’accordo? Con la pipì fuori dalla cassetta che cosa Ciccio mi vuole dire, come farlo smettere? Billa abbaia furiosamente a tutti gli altri cani, cosa posso darle?

 

I Fiori di Bach danno aiuto in queste e molte altre situazioni problematiche in modo efficace e questo libro vi farà da guida per comprendere l’animale e per scegliere i Fiori che lo aiutano.

 

 Leggi TUTTO

 

 



Scialfa recensione cuore feliceUn cuore felice

 

L'arte di giocare con il tuo cane, scritto da Angelo Vaira e Valeria Raimondi.

 

L'invito è a coinvolgere il cane in un'attività che stimola gli stessi circuiti neurali della gioia: con una carrellata di giochi "ad alto tasso di adrenalina", "di riporto", "di ricerca", "da intellettuali", "quando fuori piove", "ridi e rotola", per citarne alcuni, il tutto in sicurezza ma con l'alto rischio di divertirci in compagnia del nostro cane!

 

Leggi TUTTO

 

 



il manuale completo sulla salute del cane e del gattoIl manuale completo sulla salute del cane e del gatto

 

Oggi più che mai viene richiesto di diventare protagonisti della salute del proprio animale.

Ma cosa significa veramente?

 

In questo articolo affrontiamo il tema dell’alimentazione e della scelta del veterinario.
Per prima cosa ci viene chiesto di informarci. Prendere tutte le informazioni possibili soprattutto da parte di quei professionisti che non sono i portavoce di un solo punto di vista.


Leggi TUTTO

 

 



il potere trasformativo degli animaliIl potere terapeutico degli animali

L’incontro con l’animale ha un potere di guarigione sorprendente sulla psiche umana.


La proposta terapeutica con gli animali è spesso molto più potente di un qualunque approccio psicologico perché sfrutta con dolcezza il ricordo inconscio della nostra parte più atavica e naturale.

 

Leggi TUTTO

 

 



L'Ultimo Dono Stefano CattinelliL'ultimo dono

 

La morte dell'animale amato può essere un evento sconvolgente.

 

Ma se la persona decide di non subirlo, bensì di diventarne protagonista, facendosi pienamente consapevole dei propri moti interiori e dei pensieri che li accompagnano, potrà tramutare tale evento in una grande occasione di crescita e trasformazione - una sorta di iniziazione - scoprendo in sé la forza di offrire al proprio amico l'ultimo gesto d'amore: la liberta di morire secondo i suoi propri tempi... l'unica, vera, "buona morte", e un ultimo, prezioso, dono reciproco.

 


Leggi TUTTO

 

 



La Dieta Barf per Cani Anziani o Malati

 

dieta barf per cani anziani o malati piccolaTutte le guide sulla dieta BARF parlano di cani adulti e in salute.. ma cosa fare quando la vecchiaia avanza e il cane non è più in forma?
Il cane anziano, in genere, si ammala più spesso. Ciò è legato non solo al processo d’invecchiamento, ma soprattutto al modo in cui ha vissuto nei suoi primi anni di vita e in particolare a come è stato nutrito. Molti cani, inoltre, si ammalano prima di raggiungere l'età della “vecchiaia”. In questi casi uno stile di vita adeguato e soprattutto un'alimentazione biologicamente appropriata possono risparmiare e risolvere molte problematiche.

 

 

 

 

Leggi TUTTO 

 

 

 

 






Chiropratica VeterinariaChiropratica Veterinaria

 

La chiropratica veterinaria, disciplina ancora poco conosciuta in Italia, La chiropratica veterinaria, disciplina ancora poco conosciuta in Italia, tratta la ridotta motilità a livello della colonna vertebrale e delle varie ossa dello scheletro, utilizzando delle manualità indolori e in genere gradite all'animale, integrate con indicazioni sugli stili di vita adeguati come il giusto riposo ed esercizio, la giusta dieta e la sua salute fisica e mentale.

 

 

 

 

Leggi TUTTO

 

 



cavalli coliche

Articolo scritto dalla Dott.ssa Francesca Agabio Medico Veterinario

Che relazione ci può essere tra la stagione fredda e le coliche? Non si era detto che i cavalli soffrono di più il caldo del freddo? A cosa prestare attenzione?

Sono tutti interrogativi che un proprietario di cavalli si pone giustamente, ancor più se siamo venuti a conoscenza di qualcuno a cui è appena capitato. E poi lo sappiamo, le coliche sono uno dei nostri incubi peggiori, a cui molte volte nemmeno noi medici veterinari sappiamo dare una risposta.

“Fino a poco fa stava bene” oppure “ non ne aveva mai sofferto”...

Insomma il cavallo certe volte sembra un’enorme opera di cristallo che basta un piccolo urto per mandarla in mille pezzi. E, a volte, non si può proprio aggiustare…


Ma come mai questo inverno sta facendo così tante vittime?

Io sono convinta che il cavallo stia meglio all’aperto, libero di muoversi e possibilmente con le minori “manipolazioni” da parte dell’uomo: coperta, fasce, cappucci vari… Eppure sono giunta alla conclusione che non possiamo ostinatamente pensare che ci siano delle regole e che queste debbano valere sempre e per tutti allo stesso modo.

Quest’anno ad esempio il clima è più freddo degli inverni scorsi, ma non tanto per le temperature in sé e per sé… quello che noto (e non lo noto solo io!) è che per quanto il numerino riportato dalla colonnina del mercurio (per chi ancora ce l’ha fatto così) non sia estremamente basso, la percezione di freddo è notevole.

Inizialmente mi sono detta che starò invecchiando e lo sento di più! Poi ho pensato che gli ultimi inverni sono stati straordinariamente miti (l’anno scorso a novembre c’erano le primule e le margherite nei prati!) eppure credo ci sia dell’altro… e devo dire che la conferma me la danno anche loro, i cavalli, che questa volta hanno messo tutti un bel pelo folto, anzi, in verità già da un po' di tempo, come se lo sapessero, che veniva freddo .

Ma sì, in fondo loro lo sanno, se ci fate caso si preparano prima…in effetti se devo lanciarmi in una previsione da sfera di cristallo (ma basata su oggettiva osservazione), credo che questo freddo stia per andarsene: Rastina perde già un po' di pelo!!!!

Infatti è documentato che la muta comincia dopo il solstizio d'inverno, quando le ore di luce cominciano ad aumentare progressivamente.

A proposito del pelo … ricordiamoci che uno dei fattori coinvolti nella termoregolazione è la cosiddetta PILOEREZIONE, ossia la capacità che ha ciascun crine di alzarsi, abbassarsi e cambiare direzione attraverso l’azione dei muscoli erettori del pelo. In questo modo si aumenta lo spessore dello strato di isolamento dato dal mantello.

I muscoli erettori del pelo, devono però come ogni altro muscolo del corpo, essere esercitati regolarmente per lavorare in maniera appropriata, e ovviamente la pratica di tosare elimina completamente il fattore di termoregolazione rappresentato dal mantello.

Una cosa utile per i cavalli che vivono all’aperto è portare almeno di notte una coperta da paddock, non pesantissima se hanno messo del pelo nel frattempo: durante la notte i cavalli tendono a muoversi di meno (in inverno) e quest’anno spesso c’è aria (quando non vento vero e proprio) gelida. Sul discorso coperta sì/coperta no ci sono pareri discordanti: come sempre bisogna valutare bene l’individuo e l’ambiente in cui vive.

È fondamentale che l’animale non subisca sbalzi di temperatura.

coliche calli freddoCome dicevo di notte tendono a stare fermi ma nelle ore più calde del giorno si muovono anche parecchio, sono attivi, anche perché non hanno i fastidiosi insetti e possono brucare quel po’ di vegetazione che resiste. Quindi diciamo che nel pomeriggio si scaldano, producono vero e proprio calore. Il loro mantello è naturalmente in grado di disperderlo  magari non sudano in inverno, ma traspirano. E questo avviene quando le temperature iniziano a scendere con l’avvicinarsi della sera. Bisogna quindi evitare che questo meccanismo sia ostacolato o peggio che durante questa fase siano esposti alle correnti d’aria.

Se li ritiriamo la sera facciamo attenzione anche agli spifferi e garantiamo comunque un buon circolo d’aria.

Altro punto fondamentale è l’acqua.

È vero che in natura bevono da corsi d'acqua ghiacciata, ma quando? Il cavallo si sposta alla ricerca dell’acqua e in effetti va a bere in certi orari. Lo possiamo notare anche noi, anche se in scuderia. Di solito beve dopo mangiato, o dopo attività fisica. Ecco!

Allora, personalmente non amo molto i beverini automatici: non consentono di controllare la quantità d’acqua assunta e quando non si ghiacciano erogano acqua molto fredda. Sarebbe meglio cambiare spesso l’acqua del secchio e mettergliela tiepida. Lo stomaco è sensibile alle temperature e il fatto di bere acqua ghiacciata può stimolare un riflesso nervoso a livello gastrico che si ripercuote poi sulla motilità intestinale.

Ovviamente se avete i beverini automatici verificate sempre che non si ghiaccino per evitare che il cavallo rimanga senza possibilità di bere (è questa una delle cause più frequenti di coliche da costipazione).

Molti cavalli, magari anziani o defedati, si muovono poco e bevono molto poco in inverno: ciò determina di conseguenza una ipomotilità del tratto gastroenterico, predisponendo ad accumulo di gas e/o costipazioni.

Per aumentare l'assunzione di acqua è consigliabile mettere il rullo del sale, oppure un altro trucchetto per chi ha il secchio dell’acqua è mettervi dentro una mela: la mela galleggia e il cavallo (goloso!) nel tentativo di prenderla beve!

Altra accortezza è quella di somministrare quotidianamente dosi di frutta e verdura fresca (non fredda o ghiacciata!) prediligendo sedano, finocchi e catalogna.

E’ vero che per ogni grado al di sotto della temperatura critica dovremmo aumentare l’energia della razione del 2,5% ma attenzione, poiché un eccesso di energia determina maggior calore da disperdere, e quindi maggior probabilità di essere esposti a sbalzi di temperatura.

In natura è fisiologico infatti che il cavallo perda un po' di peso durante l’inverno, anche in modo da non rischiare di aumentare eccessivamente durante la primavera: diciamo che in teoria dovrebbero consumare un po' delle scorte ( in termini di peso) accumulate in autunno.

Se però abbiamo un soggetto anziano, o comunque magro e desideriamo aumentare l'energia della razione ricordiamoci prima di tutto che ogni cambiamento di dieta va fatto gradualmente (in non meno di 15/20 gg) e che comunque sarebbe da preferire l’aggiunta di grassi vegetali piuttosto che aumentare la quantità di cereali che tra l’altro tendono ad abbassare il pH dello stomaco e a favorire la crescita di una flora batterica meno “sana”.

Facciamo anche attenzione a quali sono le piante che sono alla portata del nostro cavallo al paddock: il loro bisogno di fibra fresca infatti potrebbe portarli ad ingerire piante non adatte o addirittura pericolose (pini, rododendri o altri sempreverdi) così come a rosicchiare il legno, instaurando peraltro un pericoloso atteggiamento comportamentale.

È utile anche somministrare almeno un pastone caldo a settimana, di solito il lunedì, quando per tradizione si fa riposo in scuderia. Personalmente non amo i precotti, ma preferisco usare crusca orzo e semi di lino, che hanno azione emolliente e blandamente lassativa.

Un ultimo consiglio, ma forse il più importante: impariamo ad osservare il nostro cavallo.

Ascoltiamo i rumori della sua pancia appoggiandoci l’orecchio sia a destra che a sinistra, a livello della fossa del fianco, e osserviamo sempre come sporca .

Se qualcosa si discosta dalle sue abitudini, allertiamo il nostro veterinario di fiducia che saprà valutare se è il caso di visitarlo, oppure ci tranquillizzerà con le dovute spiegazioni.



Approfondimenti sulla Medicina Non Convenzionale: tutti gli aspetti della Medicina Veterinaria Olistica

Relazionarsi e inter-agire col proprio animale per crescere insieme

Comprendere la sensibilità degli animali per allevarli nel rispetto dell'ambiente e delle loro esigenze

Alimentazione Naturale per Cani e Gatti (dieta crudista Barf, diete vegetariane e vegane) e per tutti gli altri animali che condividono la loro vita con noi

 

Come si evolve il Rapporto Uomo-Animale nella nostra società

Armonie Animali La rete del ben-essere animale ETS-APS
P.IVA 04430110405 - C.F. 92088900409 | segreteria@armonieanimali.com

Privacy & Cookie Policy

© 2020 Armonie Animali Tutti Diritti Riservati. Powered by Primastudio